10 buoni propositi per un 2015 pieno di…salute!

2015-buoni-propositiL’anno nuovo si avvicina e perché non iniziarlo con la giusta marcia ed i giusti buoni propositi prendendosi cura del proprio corpo dopo gli stravizi delle feste ed in previsione di una splendida primavera? L’oncologo Umberto Tirelli, dell’Istituto Nazionale Tumori di Aviano, ci viene in aiuto suggerendo un semplice decalogo sul quale basare le scelte alimentari e di vita, comprendendo un ovvio invito a smettere di fumare, a non eccedere con l’uso di alcool ed a mantenere il giusto peso forma. Vediamo nel dettaglio i consigli del prof Tinelli.

1. Come già accennato è necessario smettere di fumare, soprattutto in giovane età e durante la gravidanza. In caso di insuccesso occorre non scoraggiarsi e aiutarsi con le sigarette elettroniche, prive della componente nociva del tabacco.

2. Limitare l’uso di alcool: qualche bicchiere di vino durante i pasti stimola la circolazione sanguigna, l’esagerazione, però, soprattutto in giovane età e con il consumo di superalcolici, può essere molto pericolosa.

3. Mantenere il giusto peso forma, controllando l’alimentazione, limitando il consumo di grassi e di carne rossa ed incrementando quello di frutta e verdura. La terza regola va abbinata ad una costante attività fisica, anche se leggera, come una seduta in palestra o una leggera camminata a passo veloce.

4. Prudenza al volante. Occorre evitare di mettersi alla guida dopo aver bevuto, ma anche dopo aver consumato un pasto molto abbondante o particolarmente grasso. Alla guida occorre, inoltre, essere prudenti nell’uso del cellulare, al quale preferire l’auricolare, nella costante manutenzione di tutte le componenti meccaniche e nel rispetto delle regola della strada, nel rispetto dei pedoni e degli altri automobilisti.

5. L’auto: utilizzarla il meno possibile, preferendo percorsi da compiere a piedi o in bicicletta, contribuendo a diminuire l’inquinamento e favorendo l’ossigenazione dei tessuti.

6. Affidarsi alla medicina predittiva, ovvero a quella branca della medicina che permette di identificare possibili patologie e cure sulla base della mappatura del genoma umano e, quindi, del DNA. Grazie a queste tecniche innovative è possibile identificare i soggetti a rischio di tumore o con metabolismi particolarmente esposti ad accumuli dannosi di grassi e carboidrati.

7. Farsi periodicamente visitare da un medico di fiducia, soprattutto in presenza di sintomi persistenti e fastidiosi, quali tosse, voce alterata, difficoltà respiratorie ed aritmie nel battito cardiaco.

8. Sottoporsi a una serie di screening periodici, eventualmente accompagnati da mirati test genetici. I test periodici devono essere programmati in accordo con il medico di fiducia in base all’età del paziente, alla familiarità con particolari patologie ed al suo stile di vita. E’ noto, infatti, come una diagnosi tempestiva possa salvare la vita del paziente in moltissimi casi.

9. Rischio cardiovascolare: deve essere sempre tenuto sotto osservazione attraverso appositi controlli periodici, partendo dalla misurazione della pressione arteriosa e continuando con il controllo del colesterolo.

10. Evitare la contrazione di malattie sessualmente trasmissibili, attraverso una consapevole sessualità e l’uso adeguato di preservativi. Molto utili a riguardo i tanti programmi di vaccinazione contro il virus HPV, precursore del tumore al collo dell’utero, e contro l’epatite B.

E tu come ti prepari per affrontare il nuovo anno con una forma smagliante?

fonte ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *