Come viene espulso il grasso che perdiamo? Tramite la respirazione!

respirazioneDa un recente studio apparso nelle pagine del British Medical Journal sembra che, per causare una diminuzione del grasso, bisogna diminuire le calorie introdotte ed aumentare l’attività fisica, cosa ben nota, meno noto è il processo che accompagna questa perdita di grasso.

La respirazione concorre enormemente allo smaltimento del grasso e senza un adeguato processo respiratorio lo smaltimento dei grassi diviene più difficoltoso.

Lo smaltimento dei grassi segue un processo ben preciso, secondo il quale, la scissione di alcune molecole formate da carbonio, ossigeno ed idrogeno, serve a liberare energia, l’energia necessaria alla funzione specifica, viene sottratta o ricavata dai grassi, le materie di scarto di tale processo, saranno acqua ed anidride carbonica (metabolismo aerobico).

Ecco che ossidando una certa quantità di grassi, li si vedranno dissolvere in anidride carbonica, proprio attraverso i processi respiratori.

Mentre l’acqua in eccesso, verrà normalmente eliminata attraverso il sudore e l’urina.
Questo non significa che respirare faccia dimagrire ma che, buona parte dei grassi ossidati, vengono espulsi proprio attraverso la respirazione, si tratta di una percentuale molto alta che raggiunge circa l’80 per cento del prodotto.
I ricercatori Ruben Meerman e Andrew Brown chiariscono quindi il concetto di respirazione legata allo smaltimento del grasso, affermando che spesso i semplici processi metabolici di cui l’organismo umano è dotato, vengono ignorati o compresi in maniera erronea.

Ecco quindi come viene eliminato tutto il grasso in eccesso che riusciamo a perdere quando dimagriamo: tramite la respirazione!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *