Fai sport? Ricordati di fare stretching…prima e dopo!

stretching-lamiasaluteUna corretta attività fisica non può assolutamente prescindere da una fase di riposo che consenta all’organismo di recuperare, sia in termini di sforzo che di lavoro muscolare.
Un allenamento ben organizzato dovrebbe essere costituito da una fase di esercizio intenso, durante il quale si sottopone il fisico ad uno sforzo notevole fino a portarlo al limite, per poi alternarlo ad una fase di riposo in cui si va gradatamente riducendo l’intensità dell’esercizio e il carico di lavoro.

Questo meccanismo viene definito supercompensazione e permette al corpo di avere il tempo di recuperare tra uno stimolo muscolare e l’altro, mentre incamera le informazioni fisiche ottenute durante l’allenamento intenso di modo da poterli sfruttare nuovamente quando verrà sottoposto ad un nuovo grande stimolo.
Il principio della supercompensazione richiede però che il recupero sia effettuato in maniera corretta attraverso l’aiuto dello stretching.

Lo stretching è un momento indispensabile che consente ai muscoli e ai tendini di distendersi elasticamente e ottenere un allungamento che favorirà le sollecitazioni muscolari derivate dall’esercizio. La respirazione eseguita durante una seduta di stretching e l’allungamento delle fibre muscolari, permette alle masse di riparare quelle piccole lesioni che inevitabilmente vanno a crearsi sotto l’effetto di un allenamento intenso.

Contratture, stiramenti ed infortuni vengono inoltre efficacemente prevenuti grazie allo stretching, poiché aiuta indirettamente il corpo a migliorare le proprie prestazioni fisiche sotto sforzo, consentendo performance migliori sotto molteplici punti di vista: quello della forza, della resistenza, della velocità e della forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *