Lo sviluppo del bambino può essere danneggiato da uso di antibiotici in anticipo. Lo studio

child-receiving-medicineL’uso frequente di antibiotici nella prima infanzia può portare ad un aumento di peso, aumento della crescita delle ossa e batteri intestinali alterati, secondo un nuovo studio pubblicato su Nature Communications .

Secondo il team di ricerca, tra cui il dottor Martin Blaser della Langone NYU School of Medicine presso la NYU Langone Medical Center di New York, NY, 262 milioni di cicli di antibiotici sono stati prescritti a pazienti ambulatoriali negli Stati Uniti nel 2011 – l’equivalente di 842 cicli per 1.000 persone ogni anno.

L’uso di antibiotici è più alta tra i bambini di età inferiore ai 10 anni, dicono i ricercatori, infatti in media i bambini degli Stati Uniti ricevono tre cicli di antibiotici all’età di 2 anni e 10 cicli all’età di 10 anni.

Il team dei ricercatori ha somministrato a giovani topi femmina 3 brevi cicli di antibiotici comuni: amoxicillina, tilosina o una combinazione di entrambi gli antibiotici.

I topi hanno ricevuto lo stesso numero di prescrizioni di antibiotici nelle medesime dosi che il bambino riceve in media nei primi 2 anni di vita, e questi topi sono stati confrontati con un gruppo di controllo che non ha ricevuto antibiotici.

Rispetto ai topi di controllo, quelli che sono stati trattati o con amoxicillina o tilosina o una combinazione di entrambi sono risultati registrare un maggiore aumento di peso e uno sviluppo di ossa più grandi.

Per di più, il team ha scoperto che entrambi gli antibiotici hanno interferito con il microbioma intestinale – la composizione dei batteri intestinali – dei topi. Gli antibiotici hanno alterato le specie batteriche presenti, così come il numero di geni associati con certe funzioni metaboliche.

Leggi l’articolo completo su medicalnewstoday

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *