Natale: ecco come sopravvivere allo stress da regalo

natale-stress-da-regaloDicembre è il mese di Natale e il Natale è l’occasione, fra le tante cose, di fare (e magari anche di ricevere) regali.

Regali per tutti, grandi e piccini, persone più o meno care a cui fare un regalo importante o forse solo il cosiddetto ‘pensierino’.

Quando lo si deve ‘fare’, il regalo natalizio può diventare sinonimo di stress, a maggior ragione quando i regali sono più di uno, perché ogni regalo ‘ad personam’ significa prima trovare, poi scegliere, poi comprare.

E spesso la ricerca può non essere semplice per i più svariati motivi.

Già, la ricerca del/dei regali di Natale si trasforma così molto spesso in una e vera e propria ansia, in una forma di stress.

Le motivazioni? Per esempio, non sapere cosa comprare per fare davvero un regalo gradito, avere poco tempo da dedicare allo shopping dei regali oppure non volere spendere troppo per via delle ristrette capacità di spesa o dei molti regali da comprare.
Che fare allora? Come risparmiare negli acquisti e come ‘risparmiarsi’ questo stress da regalo natalizio?

Innanzitutto, ci si potrebbe affidare ai mercatini natalizi che già dagli inizi di Dicembre sono aperti fino a sera in tantissime città italiane.

Vi si trovano articoli spesso artigianali, pertanto originali, eanche a basso costo rispetto ai regali più o meno ‘stereotipati’ che si trovano nei negozi.

L’offerta è ampia, per tutti i gusti, per tutte le età e per tutte le tasche. Inoltre, passeggiare fra i mercatini natalizi può diventare una piacevole occasione per stare all’aria aperta e respirare con più gioia l’atmosfera pre-natalizia.

C’è poi una ‘strategia’ forse più semplice e vincente per combattere l’ansia da regalo a Natale, ed è quella suggerita da Paola Vinciguerra, psicologa e presidente dell’Eurodap, cioè la “Società europea disturbi attacchi di panico”.

Il suo consiglio è quello di puntare al regalo dal “valore emotivo”, il regalo fatto con cura e amore pur nella sua semplicità.

Un esempio potrebbe essere, nel caso degli oggetti, una bella presentazione, anche fatta a mano, di una fotografia magari sconosciuta o dimenticata della persona a cui si regala, una fotografia inserita in una cornicetta di legno che è, appunto, un “materiale vivo” rispetto a una cornice di plastica fatta in serie.

In questo modo, la bellezza del regalo sarebbe doppia, perchè questo porterebbe con sè l’attenzione per i particolari messa in opera da colui che offre il regalo.

E sempre su questa scia, sono tanti altri i regali emotivi che si potrebbero fare a ciascuno dei nostri cari.

Con i propri bambini, ad esempio, quale migliore regalo si potrebbe far loro se non quello di trascorrere le vacanze natalizie insieme, cioè ‘condividendo’ tanti momenti di gioia e serenità come guardare un cartone alla TV, leggere un libro, raccontare loro storie natalizie e così via.
E la stessa parola ‘condivisione’ dovrebbe essere la stessa essenza dei nostri regali da fare anche alle persone grandi.

Una cena insieme, il taglio del panettone, l’attesa della mezzanotte la sera della vigilia… si tratta di ritrovare la voglia di regalare un pò di se stessi, con semplicità, sincerità e senza spendere una fortuna.

Fonte ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *