Problemi a ginocchia e caviglie: no ai tacchi alti e si alla preparazione fisica

tacchi-altiTrend in costante crescita di operazioni al legamento crociato per gli uomini e alle caviglie per le donne: sono questi i dati resi pubblici da diversi enti quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità e Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT).

Si parla infatti di uno dei primi posti all’inteno dei paesi dell’Europa per il numero di interventi di artroscopia, ovvero tutte quelle operazioni che riguardano le articolazioni.

Si è registrato infatti un incremento di tali interventi di circa il 15% annuo. La causa sarebbe anche abbastanza banale.

Per quanto riguarda infatti l’alto numero di interventi al legamento crociato, il problema principale sarebbe lo svolgimento di attività fisica senza la dovuta preparazione.

Lo stesso accade per le donne, che si vedono quindi costrette ad intervenire chirurgicamente sulle proprie caviglie a causa della cattiva abitudine di indossare tacchi troppo alti.

Tutti questi casi poi, oltre ad interessare la vita di molte persone, influiscono anche sul già provato Sistema sanitario Nazionale che così finisce per spendere più di un miliardo per le operazioni ed i ricoveri, oltre ad atri 750 milioni di euro per i costi riabilitativi dei pazienti. Bisogna quindi prestare più attenzione.

Le donne devono sicuramente abbandonare l’idea di indossare perennemente il tacco 12 che nelle vetrine è davvero affascinante, ma nella vita reale causa appunto molti problemi; mentre gli uomini devono vivere in modo più consapevole ed attento lo sport, a maggior ragione se a livello amatoriale.

Magari in quest’ultimo caso si potrebbe optare per l’aiuto di un preparatore atletico o altro esperto del settore che aiuti a prepararsi al meglio prima di un evento o una partita con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *