Stai ingrassando? Non dare la colpa allo stress!

aumento-peso-stress-ufficioNiente più scuse per chi incolpa lo stress dei chili di troppo. Uno studio pubblicato dall’International Journal of Obesity, nega qualsiasi relazione tra lo stress e l’ansia sul posto di lavoro e il sovrappeso lamentato da alcuni soggetti.

Sebbene alcune statistiche tendano a confermare questa relazione, lo studio ribalta la tendenza comune a crearsi un alibi per i chili in più: se infatti è vero che passare da una condizione di nessuno stress a uno stato di ansia può determinare un certo aumento di peso, è dimostrato che una situazione di tensione lavorativa protratta nel tempo non è la vera causa dell’obesità.
Infatti, è stato dimostrato che il peso dei soggetti non calava quando la tensione lavorativa diminuiva, suggerendo che nemmeno l’aumento di stress fosse correlato al peso eccessivo.
Non è però chiaro in quale modo il mangiare di più per alcuni, o mangiare di meno per altri, porti ad ingrassare nel giro di poco tempo, anche perché gli autori dello studio ammettono che le definizioni di stress e di affaticamento date dai partecipanti allo studio sono piuttosto soggettive e quindi di difficile interpretazione. Tuttavia, l’alto numero dei soggetti oggetto dello studio e l’assenza di correlazioni tra situazioni di logorio e aumento di peso, sono sufficienti a negare qualsiasi correlazione tra stress e chili di troppo.

Fonte huffingtonpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *