Tanti motivi per alzarsi dalla sedia, stare seduti è pericoloso!

(c) Stamford Museum; Supplied by The Public Catalogue FoundationBrutte notizie per le donne abituate a trascorrere ore sedute alla scrivania del proprio ufficio oppure in casa, intente a leggere o a navigare dal tablet.

Stando a quando dimostrato da uno studio condotto dall’America Cancer Society, infatti, stare sedute per più di sei ore sarebbe molto pericoloso per le donne in quanto aumenterebbe il rischio di sviluppare un tumore al seno o alle ovaie.

E l’aumento del rischio non è certo trascurabile, visto che secondo gli esperti sarebbe addirittura del 10%.

Che fare, dunque? È molto semplice: se proprio si è costrette a trascorrere parte delle proprie giornate sedute, è buona regola alzarsi spesso, spezzando l’inerzia con un po’ di movimento; basta poco, anche solo il semplice alzarsi dalla sedia per fare qualche passo in giro per la stanza o meglio fuori, all’aria aperta, è un vero toccasana e riduce notevolmente i rischi.

Per arrivare a questa importante conclusione, dal 1992 al 2009 gli studiosi hanno tenuto sotto controllo 146mila persone, uomini e donne; nel corso di questo periodo, 18mila uomini e 12mila donne si sono ammalati di tumore.

Solo che mentre per gli uomini stare seduti a lungo non incideva sulle percentuali, né costituiva fattore di maggiore rischio, per le donne le cose erano molto diverse: più tempo le donne trascorrevano sedute, più rischiavano di ammalarsi di particolari tipologie di tumore, ovvero quello alle ovaie e quello al seno, tumori tra i più diffusi nella popolazione femminile internazionale.

La coordinatrice dello studio in questione, la dottoressa Alpha Patel, ha dichiarato di non essere stata affatto sorpresa da questa conclusione, anche perché “un numero crescente di ricerche mette in evidenza il collegamento tra lo stare seduti e alcune malattie”.

La vera novità, invece, è che tale fattore di rischio incide in maniera diversa sugli uomini e sulle donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *