Uno yogurt al giorno leva il diabete di torno

yoghurtChe mangiare uno yogurt al giorno non facesse male era risaputo da tempo, ma la notizia pubblicata su Bmc Medicine, che cita lo studio portato avanti da un team di ricercatori della prestigiosa Harvard School of Public Health, se confermata, avrebbe del clamoroso.

Gli studiosi statunitensi, con la collaborazione di medici, dentisti, farmacisti e altri operatori sanitari, ha messo sotto osservazione lo stile di vita di circa 42000 persone facenti parte di questa fascia lavorativa in un’età compresa tra i 40 e i 75 anni; allo studio hanno poi partecipato 67mila infermiere aventi un’età compresa fra i 30 e 55 anni, e altre 85mila con un’età compresa in una forbice che va dai 25 ai 42 anni.

Prima di dare il via allo studio, i partecipanti hanno dovuto rispondere ad un questionario preparato dagli studiosi, che hanno così raccolto informazioni sulle loro abitudini e sull’insorgenza di malattie croniche.

Le persone sottoposte allo studio sono stati controllate ogni 2 anni e dai dati emersi è risultato che un’alimentazione a base di prodotti lattiero-caseari aveva una correlazione con lo sviluppo del diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo due è una patologia cronica che si manifesta quando il corpo non è in grado di produrre una quantità di insulina sufficiente a soddisfare il fabbisogno dell’organismo, oppure quando le cellule oppongono resistenza a questa sostanza.

Attualmente sono 366 milioni le persone che soffrono di questa condizione in tutto il mondo, e la stima secondo cui nel 2030 il numero di ammalati aumenterà fino a raggiungere quota 552 milioni, è esplicativa del fatto che ogni passo avanti fatto dalla ricerca corrisponda ad una speranza per gli ammalati e ad un risparmio per il sistema sanitario globale.

Una volta stabilito il rapporto tra prodotti lattiero-caseari e diabete di tipo 2, i ricercatori hanno analizzato singolarmente il consumo di latte scremato e intero, di formaggi e yogurt. Incrociando fattori di rischio fondamentali per il calcolo dell’insorgenza della malattia cronica come età e indice di massa corporea, gli studiosi americani hanno notato come mangiando delle dosi elevate di yogurt il rischio di contrarre il diabete di tipo 2 si riducesse.

In aggiunta a questi dati, esaminando i precedenti studi inerenti la relazione tra la produzione lattiero-casearia e il diabete di tipo 2 pubblicati fino al marzo del 2013, è emerso come consumando quotidianamente una porzione di 28 grammi di yogurt si riducesse del 18% la probabilità di contrarre il diabete di tipo 2.

Secondo questi dati, sostengono gli studiosi, è dunque importante introdurre il consumo di yogurt in una dieta bilanciata.

Lo stesso nutrizionista Andrea Ghiselli afferma la valenza di uno studio del genere, che conferma ulteriormente le evidenze già emerse da ricerche recenti secondo cui i prodotti lattiero-caseari fermentati, sviluppano un’azione protettiva dal diabete, e forniscono un ulteriore prova a sostegno della tesi che afferma come lo yogurt abbia effetti positivi nel contrastare l’aumento del peso nel tempo.

E voi cosa ne pensate? Introdurreste lo yogurt nella vostra dieta per scongiurare il pericolo di contrarre il diabete mellito di tipo 2?

Fonte corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *